City sisters con Rüdesheim am Rhein: Serra Sant’Abbondio conquista la città sul Reno

47350613_10215248187852360_6279869475315515392_oSerra Sant’Abbondio – Un altro passo verso il gemellaggio tra Serra Sant’Abbondio e la città tedesca di Rüdesheim am Rhein nella regione dell’Assia. Per perfezionare accordi e intenti, ad inizio dicembre, una folta delegazione serrana si è recata nella città sul Reno. A fianco al sindaco Ludovico Caverni erano in ventisette, tra grandi e piccoli, giovani e meno giovani, il che ha felicemente impressionato il sindaco Volker Mosler che non vede solo un legame simbolico nel gemellaggio ma un altro modo per sviluppare strette e proficue relazioni culturali, economiche e commerciali soprattutto se sono coinvolti i giovani.
Dal punto di visto formale, un altro passo da gigante nell’intesa è stato compiuto: il primo cittadino serrano ha firmato nella sede municipale, l’Albo d’Oro, libro riservato ai visitatori più importanti della città sul Reno. Un atto formale che sancisce l’iter di un percorso che non si esclude potrebbe chiudersi entro la fine dell’anno prossimo.
Un gemellaggio all’infuori dell’ordinario quello che si sta siglando tra queste due città in apparenza dissimili. Forse perché nato per caso, quando nel 2016, il sindaco tedesco Mosler visitò il Monastero dell’Eremo di Santa Croce di Fonte Avellana in occasione di un evento su Santa Hildegarde. Incontrò allora il priore Dom Gianni Giacomelli e il sindaco Caverni e s’instaurò un speciale feeling fatto di fede e di spiritualità. Dove Serra Sant’Abbondio si presenta come le terre di San Romualdo e di San Albertino mentre  Rüdesheim am Rhein quello delle abbazie di benedettine fondate da Santa Hildegarde.
Un gemellaggio che subito è evoluto forte di visioni che accomunano le terre del Catria ad una città che,se è vero appartiene ad una regione considerata il principale distretto finanziario della Germania, ospita produzioni tipiche ed è culla di erbe spontanee. Produce un Riesling che ne fa una tappa obbligata e di alta qualità nelle rotte del turismo enogastronomico e ha il culto delle erbe spontanee come erbe curative. Non a caso a marzo una delegazione di esperti tedeschi verranno in uno stage nelle terre alte pesaresi per studiare la flora del comprensorio.
WhatsApp Image 2018-12-02 at 18.16.54 (1)Infine, emerge anche un altra peculiarità di questo gemellaggio: Serra Sant’Abbondio non rappresenta solo se stessa ma tutti i Comuni dell’Unione Montana. « Il nostro paese – spiega Ludovico Caverni – vanta meno di due mila abitanti mentre Rüdesheim am Rhein ne ha quasi dieci mila pertanto costruire il legame in una visione campanilistica ed in un’esclusiva dimensione comunale rischiava di limitare l’interesse mentre proposto all’interno dell’Unione Montana del Catria Nerone ha la capacità di generare altre tematiche e dunque di innescare flussi maggiori. Inoltre – conclude – esiste anche una similitudine amministrativa tra questa città e le città che gli sono vicini che assomiglia al legame che esiste tra i sei comuni dell’Unione Montana».
E’ già allo studio per il 2019 la presenza dei produttori e dei laboratori del comprensorio del Catria Nerone in uno stand nell’importante e tradizionale mercato che anima la città durante il periodo natalizio anche se non si esclude una presenza ad agosto alla festa del vino, la Rüdesheimer Weinfest.
Véronique Angeletti@civetta.tv
Categorie correlate:
Un commento

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il nostro sito usa i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Clicca Settings per chiarimenti sui diritti della tua privacy o per disabilitare i cookies o su Accetto per accettare le condizioni d\\\'uso, cookies policy e Privacy poilcy e chiudere questo banner. Settings | Accetto