Addio Don Angelo, Fossato di Vico piange il suo storico sacerdote

Don Angelo a Palazzolo di FossatoFossato di Vico – Se ne è andato sabato 7 aprile per l’ultimo viaggio, Don Angelo Moriconi, sacerdote nativo di Grello di Gualdo Tadino ma ormai fossatano d’adozione. Era arrivato a Fossato di Vico nel lontano 1989 tornando in Italia dopo aver speso tantissimi anni in Brasile, la sua patria d’adozione, dove non aveva perso la speranza di tornare anche da ultranovantenne. Anni e anni spesi ad aiutare gli altri, i poveri ed i bisognosi delle favelas, gli ultimi, in un’opera missionaria che aveva scelto anche contro il  volere della sua famiglia. Don Angelo ha lasciato ricordi indelebili in ogni luogo ed in ogni terra toccata. Il suo sguardo gentile, il suo essere sempre pronto ad aiutare gli altri con una semplice parola, con una visita, con un pensiero, lo hanno reso davvero indimenticabile. Se ne va un punto di riferimento per la comunità fossatana e per tutta la comunità dei fedeli, una vera e propria istituzione. Dopo il pauroso incidente d’auto dello scorso anno, da cui era uscito miracolosamente vivo, Don Angelo non era riuscito più a riprendersi a pieno e nemmeno a tornare nella sua casa parrocchiale.

Don Angelo compleannoIn ogni caso, nonostante l’età e le fratture subite, aveva continuato a lottare come un leone, un vero esempio di attaccamento alla vita, interessandosi dei propri parrocchiani, dei propri amici, dispensando preghiere, consigli, senza mai perdersi d’animo. Aveva accettato di portare la sua croce senza tirarsi indietro, con fede ferma e con spirito battagliero. La voglia di vivere era evidente in ogni suo sguardo, in ogni suo gesto e lo ha accompagnato fino alla fine dei suoi giorni, in un lento cammino di avvicinamento alla casa del Padre. Accudito e coccolato dal personale dell’Easp di Gualdo Tadino, dove era ricoverato da circa un anno ed assistito anche dalle continue visite di amici, parenti e parrocchiani, ha vissuto questo periodo travagliato attorniato da un affetto enorme, segno evidente di quanto la sua opera sia stata apprezzata e condivisa nel tempo. Indimenticabile, quasi eroica, la sua partecipazione alla Santa Messa di Natale a Palazzolo, frazione di Fossato di Vico, lo scorso dicembre. Tra lo stupore dei fedeli, Don Angelo aveva concelebrato dimostrando, ancora una volta, il suo spirito instancabile e la sua immensa fede. A maggio avrebbe compiuto 93 anni, i parrocchiani avrebbero organizzato un’altra splendida festa proprio come lo scorso anno, quando Don Angelo, fra l’affetto e l’allegria di tanti amici, aveva spento 92 candeline ed aveva intonato, come suo solito, le canzoni della sua giovinezza “Vola Colomba” e “Mamma”. Ciao Don Angelo, fai buon viaggio, veglia sulla comunità fossatana, su tutti coloro che ti hanno voluto bene, la tua opera instancabile, la tua fede incrollabile ed il tuo esempio non saranno mai dimenticati.

William Stacchiotti@civetta.tv