Pasta ripiena in casa, nasce un elettrodomestico, cercasi industriali

Gubbio – L’idea è semplice ma non banale. Si chiama “Cappy” ed è pure altamente innovativa. Consente di produrre facilmente cappelletti, insomma pasta ripiena ed un aiuto doc in cucina sia per lo chef sia per  la massaia. La macchina è poco ingombrante (36×54 cm) pesa quanto un robot altamente funzionale (18 kg) ed è protetta con brevetti firmata dall’eugubina RD Creativity. Azienda fondata da  Riccardo Pompei e Daniele Manuali. Team che sta garreggiando con più di cento altri progetti innovativi al concorso Start cup Piemonte Valle d’Aosta 2019 organizzata nell’ambito del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), promosso da “PNICube” (Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition), a cui avranno accesso I finalisti della competizione regionale.

Riccardo Pompei e Daniele Manuali della RD Creativity di Gubbio

Riccardo Pompei e Daniele Manuali della RD Creativity di Gubbio

L’idea nasce da un’intuizione legata ad una delle tradizioni italiane più belle. Quella della pasta fresca ripiena fatta a mano. E’ un elettrodomestico professionale, concepito dalla creatività degli inventori che con diversi professionisti è diventato un prototipo protetto da due brevetti. Per l’industrializzazione, gli inventori stanno cercando finanziamenti.

"Cappy", per fare pasta fresca ripiena in casa

“Cappy”, per fare pasta fresca ripiena in casa

Il team è supportato da 2i3T, incubatore d’imprese dell’Università di Torino (www.2i3t.it ), al fine di sviluppare il business in un contesto nazionale ed internazionale e sinergie e partenariati strategici.

RD creativity è un’azienda nata a Gubbio, start-up innovativa iscritta alla sezione speciale della meccanica, certificata UNI EN 1090, formata nel 2016 dai soci Pompei e Manuali. L’azienda progetta e realizzata con spiccata capacità innovativa soluzioni tecniche e operative in vari settori. RD CREATIVITY collabora da anni con aziende nazionali e multinazionali nel settore automotive: da qui l’esperienza per le lavorazioni di stampaggio a freddo. In funzione di alcune specifiche è nato il progetto di gestione per la pulizia degli stampi industriali dopo i vari cicli di produzione. L’azienda è all’avanguardia nella realizzazione di impianti automatizzati di lavaggio per stampi industriali con depurazione delle acque reflue e recupero dei fanghi, privilegiando sistemi di abbattimento degli idrocarburi di tipo biologico mediante detergenti enzimatici naturali. Si tratta di un progetto di depurazione innovativo ed ancora in evoluzione, che sarà motivo di studio e collaborazione con 2i3T Incubatore dell’imprese Università di Torino.

La redazione di Civetta.tv