golosita_eugubine

Simone Massi non è uno zangolotto e lo dimostra con un dizionario che si legge come un romanzo

AbbecedarioMassiSerra Sant’Abbondio – Tutto è tranne uno “zangolotto”, l’animatore ed illustratore Simone Massi. Il che in “pergolese” significa “perdigiorno” o anche  “buono a nulla”. Forte dell’immenso amore per le sue terre è riuscito a costruire un eccezionale abbecedario, anzi un vero e proprio dizionario, nel quale ha “acchiappato” e “salvato” almeno 11mila vocaboli. Parole bandite da lustri dalle aule scolastiche, sovrastate dall’italiano della televisione, annientate dall’odierna globalizzazione che rischiavano di scomparire. Le ha trovate tutte o quasi. Le ha individuate nella memoria di tanti, nell’arte del parlare di pochi, nelle cantilene di anziani. Inconsapevoli custodi, da decenni, di una lingua sepolta nei borghi disseminati tra le colline di San Lorenzo in Campo e Pergola e sulle falde del Catria tra Frontone e Serra Sant’Abbondio ma anche in tanti paesi nelle campagne di Sassoferrato.

620636_351243934966533_888901593_o

Massi ha presentato il suo libro un pò ovunque. La più difficile forse quella di Serra Sant’Abbondio,  platea dove poeti erano venuti a recitare versi e pensieri all’evento “libera poesia tra le mura”. Manifestazione organizzata dal Comune, dalla Pro Loco e dai Poeti dell’Eremo che rientra nelle iniziative “di nicchia” del Grand tour delle Marche, il circuito di eventi esperienziali proposto da Anci Marche e da Tipicità.

Ma sempre incontri vivaci, briosi, interattivi che hanno risvegliatoo ad onde ricordi sulle “parole sbagliate” e svelato che alcune sono parole di Boccaccio e di Dante. «Un dialogo che conferma – confessa Massi – che le mie parole non sono tutte e nemmeno quelle necessariamente esatte, bastano pochi chilometri e la parola cambia, ma prova che ogni parola “salvata” procura gioia ed è un ritorno a ridere insieme forte».

Il volume è arricchito dalla presentazione del poeta Umberto Piersanti e contiene 21 illustrazioni di Massi. Assolutamente da comprare. Si legge come un romanzo.
Véronique Angeletti@civetta.tv

Categorie correlate: