Passa la variante per l’allevamento Polli all’ex Aquater e si costituisce il comitato AmbienteVivoValcesano

WhatsApp Image 2019-10-25 at 11.20.36 (1)San Lorenzo in Campo – Avanti tutta. Votata a fine ottobre e all’unanimità la variante edilizia al Prg, secondo step per la trasformazione della zona direzionale dell’ex Aquater in zona agricola. Variante propedeutica all’installazione di un allevamento bio e convenzionale del Gruppo Fileni. Il consiglio comunale, dopo aver votato le controdeduzioni di ognuna delle 28 osservazioni presentate entro il 7 ottobre, ha approvato all’unanimità l’adozione definitiva. La variante va adesso in Provincia per ottenere il parere di compatibilità ambientale e, se ottenuta, ritornerà fra qualche settimane nella civica assise laurentina per l’approvazione definiva.

Un voto che la sala gremita di cittadini ha applaudito a lungo. Un modo per stigmatizzare la decisione seppur nessuna delle 28 osservazioni erano pertinenti ossia «rientravano nelle competenze di valutazione tecnica». Applausi espressione di un sentimento d’impotenza per la prosecuzione dell’iter che però non teneva conto che tutte – ma proprio tutte e dunque anche le 23 osservazioni diverse solo per lievissime sfumature e anche del Consorzio Suasa e del sindaco di Castelleone di Suasa  – sono state trasferite alla Provincia e alla Regione per essere valutate nel procedimento di autorizzazione unica (che implica la valutazione d’impatto ambientale) richiesto dalle due ditte del gruppo Fileni.
Osservazioni tutte incentrate su richieste di verifiche relative ai «costi sociali, ambientali e sanitari» dell’impianto, «sull’inquinamento da emissioni odorigene con polveri inquinanti (metano, azoto, ammoniaca) e batteri», sulla viabilità «tracciato già poco scorrevole con un traffico ancor più rallentato», sulla ricaduta economica e sul rischio di «rovinare il sito archeologico dove si trova l’ex Aquater».

WhatsApp Image 2019-10-25 at 11.20.37 (2)

«Osservazioni a cui – sottolinea il sindaco Dellonti – dovrà rispondere una commissione dove presenti sono l’Arpam, l’Asur, la sovrintendenza ai beni archeologici ed altri enti come l’Anas, preparati per valutare con dati tecnico-scientifici quesiti e perplessità; che alcune riflessioni sollevando dubbi sull’iniziativa, proprio perché fatta da privati che non sono del luogo, nega la libertà d’impresa; che l’Imu è solo di 9mila euro l’anno poiché gli immobili sono inagibili; ed infine che il presidente stesso del Consorzio Suasa, il professore Enrico Giorgi, ha confermato che i manufatti che si intuiscono dall’alto nel sottosuolo sono le trincee ricoperte della cava di ghiaia». Un insieme di risposte che, anticipate in un’assemblea pubblica, avrebbe forse potuto influire.

Véronique Angeletti@civetta.tv

WhatsApp Image 2019-10-25 at 11.20.37 (1) (1)

Intanto in reazione si è costituito il comitato “AmbienteVivo Valcesano”, sezione locale di A.C.U. Associazione Consumatori e Utenti Marche che in questo seguente comunicato stampa dichiara che:

nasce a causa delle preoccupazioni per la realizzazione di un nuovo MAXI POLLAIO, in un territorio adiacente a numerosissime case e attività, nel Comune di San Lorenzo in Campo. L’allevamento avrà impatto anche sui comuni limitrofi: Castelleone di Suasa, Mondavio e Corinaldo».

Non siamo contrari a prescindere alle imprese che investono nel territorio. Ma investire nel territorio significa innanzitutto avere cura dell’ambiente e quindi delle persone che lo abitano. Siamo preoccupati per le conseguenze ambientali, sulla vita delle persone, sui patrimoni di chi nel territorio di San Lorenzo e dei comuni limitrofi vive.

Rappresentiamo tutte quelle forze che vogliono esprimere con la loro cittadinanza attiva la volontà di incidere sulle scelte del governo del territorio.”

Il Comitato è aperto a tutte le persone che vogliono dare una mano, partendo da una posizione non di pregiudizio ma propositiva. È possibile rivolgersi al Comitato tramite la pagina Facebook “Comitato AmbienteVivo Valcesano” o tramite la mail landini.and@gmail.com.

Il Comitato dà anche notizia che alla Conferenza dei Servizi è già pervenuto il parere positivo della V.A.S. (Valutazione Ambientale Strategica) da parte della x provincia Dal momento che l’iter amministrativo sta procedendo spedito e che già lunedì 11 novembre verrà svolta la seduta decisoria della Conferenza di Servizi per quanto riguarda l’allevamento a gestione convenzionale

Il Comitato organizzerà il giorno VENERDI’ 8 NOVEMBRE, presso il Bar Ristorante da Giuliano Via Loc. Miralbello, 20, un incontro dedicato soprattutto alle persone che abitano o lavorano più vicine al sito in questione, ma aperto a tutti i cittadini interessati. L’obiettivo è quello di coinvolgere il più alto numero possibile di persone e di ricevere da esse il sostegno per portare avanti il progetto di difesa del territorio. All’incontro parteciperà anche la giornalista Giulia Innocenzi e porteranno un contributo alla discussione Adriano Mei, Goffredo Bellocchi e Carlo Cardarelli.

Comunicato Stampa del Comitato “AmbienteVivoValcesano”

Un commento

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.