Progetto Broiler all’ex Aquater: “AmbienteVivo Valcesano” invia due diffide, oggi sul tavolo regionale

San Lorenzo in Campo – Appena costituito, si fa sentire il neo comitato “AmbienteVivo Valcesano”. Con due diffide, inviate venerdì scorso in Regione, s’inserisce nell’iter della procedura autorizzativa per gli allevamenti di broiler – polli da carne- che due società del gruppo Fileni vogliono installare nell’area dell’ex Aquater, in località Miralbello. Diffide che saranno oggi, lunedì 11 novembre, sul tavolo tecnico della conferenza di servizi convocata ad Ancona per discutere del progetto “biologico”. Con la prima diffida, il comitato ricorda agli enti convocati (Asur, Arpam, sovrintendenza, comuni…) il loro ruolo da garante, mentre con la seconda evidenzia un gap di procedura. Per il comitato, la regione avrebbe dovuto convocare, oltre ai comuni di San Lorenzo in Campo, di Castelleone di Suasa e Mondavio, anche quello di Corinaldo in quanto è utente delle acque che serviranno all’allevamento.

WhatsApp Image 2019-11-09 at 09.57.09

Intanto, già alla sua prima uscita, il comitato fa l’en plein. Di pubblico e di soci. Un centinai, i cittadini presenti venerdì al bar “Da Giuliano” di cui 80 hanno versato una quota d’adesione, dando così mandato di proseguire nelle indagini e di rappresentarli presso gli enti. Il comitato, inoltre, ha già aderito all’Acu Marche, Associazione Consumatori e Utenti, e fa parte dei comitati in rete delle Marche gestito da Adriano Mei, protagonisti in diverse battaglie ambientali.
«Non siamo contrari a chi investe sul territorio – ha spiegato il presidente del comitato Adriano Landini – ma investire significa aver cura dell’ambiente e delle persone che lo abitano mentre siamo preoccupati per le conseguenze ambientali per la vita delle persone e per i patrimoni di chi vive a San Lorenzo in Campo e nei comuni limitrofi».

WhatsApp Image 2019-11-09 at 10.47.53 (1)

Tra i relatori, il geologo Goffredo Bellocchi, che ha evidenziato come il bisogno di acqua annuo di 2,6 milioni di polli nel sito (convenzionale e bio) necessita di acque che alimenterebbero una popolazione grande 2800 persone mentre il tecnico Ovidio Urbani ha sottolineato come l’assenza di venti in quell’area pone problemi per dissipare odori e polveri. Il comitato fra 15 giorni ha fissato un altro appuntamento con diversi altri esperti per discutere della svalutazione dei beni immobiliari. Presente anche la scrittrice Giulia Innocenzi, (ha lavorato a fianco a Santoro, oggi “Iena” su Italia 1), con il suo libro-indagine sugli allevamenti intensivi “Tritacarne”.
Véronique Angeletti@civetta.tv

Un commento