golosita_eugubine

Rubati due preziosi cani da tartufo a Monterosso

WhatsApp Image 2019-12-30 at 18.57.30Sassoferrato – Rubati due cani pregiati addestrati per la ricerca del tartufo. Tutto è successo nella notte di giovedì 26 dicembre a venerdì 27 in un fondo privato di Monterosso Stazione. Piccola località tra il sentinate e il pergolese particolarmente vocata alla produzione del prezioso fungo sia in natura sia in boschi appositamente coltivati. Brutta sorpresa per il trentacinquenne sassoferratese Fabio Mancinelli. Mentre portava cibo ai suoi quattro cani, di mattina presto, si è accorto che due cani mancavano all’appello. «Ho subito notato che qualcosa non andava – spiega. Il lucchetto tagliato in due, il cancello appena appoggiato, solo due dei quattro cani che si affacciavano ed erano particolarmente nervosi». I ladri si sono impossessati di un lagotto, cane di razza, di pelo bianco, di tre anni, di nome “Bitter” e di un pointer incrociato con uno springer, pezzato bianco e marrone, chiamato “Fiuto” di 4 anni. «Sapevano quello che facevano – incalza Fabio – . I ladri hanno preso i due cani più bravi nella ricerca del fungo. Non può essere un caso. Non può essere una coincidenza. I ladri devono aver osservato i miei cani e dunque i miei movimenti per capire quali dei quattro erano i migliori».

Sul caso indagano i carabinieri forestali della caserma di Sassoferrato che confermano che finora non ci sono stati mai furti di cani da tartufo nel comprensorio. Ma casi di avvelenamenti. Il cane essendo considerato un “bene”, è stato sporto denuncia contro ignoti per il reato di furto.

Ovviamente la notizia ha sconvolto il piccolo mondo dei cercatori di tartufo dove tutti o quasi tutti si conoscono. Il furto di un cane non è solo il furto di un animale di alto valore che sul mercato vale tra i 3mila e 4mila euro, alcuni addirittura il doppio, ma il ladro ruba un animale che vive un rapporto simbiotico con il suo padrone, con cui ha un misterioso e speciale dialogo. Il cane cerca il prezioso fungo non per lui ma per la felicità del suo padrone. Un’amicizia senza parole che fa che i ladri non hanno soltanto rubato in una proprietà ma violato affetti.
Véronique Angeletti@civetta.tv

Categorie correlate: