L’appello per proteggere la quercia del Borgo di Fabriano

79783492_486565521972762_1428191121158176768_nAmbiente – Lo storico Euro Puletti lancia un appello per salvare la piccola grande “Quercia del Borgo di Fabriano” minacciosamente assediata da strada, ferrovia e traffico. Dovrebbe trattarsi dell’ormai rara Quercia di Virgilio.

<< Nella zona del Borgo di Fabriano, presso il passaggio a livello della locale, dismessa linea ferroviaria Fabriano – Pergola – scrive il professore – ho notato, già da anni, una piccola, ma ben piantata e singolare quercia, le cui grandi foglie al vento lo hanno immediatamente colpito, a causa della loro forma, che risultava molto poco consueta nell’aspetto.

Il confronto naturale, nell’occasione, tramite l’osservazione delle ghiande, è con la rara quercia denominata Quercia di Virgilio od Escolo di Virgilio (Quercus virgiliana).

La specie Quercus virgiliana, classificata già nel 1835 dal botanico napoletano Michele Tenore, in realtà, secondo alcuni, altro non sarebbe se non una sottospecie della roverella (Quercus pubescens).

Già Virgilio, nel libro quarto delle Georgiche, descrive una gran quercia “Nemorumque Jovi quae maxima frondet Aesculus” (che mostra grandi fronde fogliose): è il cosiddetto Escolo di Virgilio”. Tale specie quercina ha, inoltre, come scrive Tenore, le ghiande […] dolci e buone a mangiarsi onde i nostri contadini le mangiano abbrustolite con le castagne e la chiamano perciò la quercia castagnara.

Le ghiande di questa quercia erano appetite anche dai contadini e dai pastori stanziati tra Marche ed Umbria, i quali ne denominavano il frutto come “ghianda castagnola”.

L’invito, a tutti coloro i quali amano la nostra “Natura di Casa”, è, perciò, quello di verificare l’effettiva esistenza di altre querce di Virgilio nel Fabrianese, indagando, specialmente, quelle molte querce che vegetano lungo la valle del Torrente Rio Bono, col risalire, quest’ultima, almeno sino a Vallina, Melano e Campodiègoli.

Un appello, invece, viene qui rivolto a tutte le autorità competenti per materia, affinché vogliano proteggere la cosiddetta “Quercia del Borgo di Fabriano”, dai molti rischi di danneggiamento e d’abbattimento che, chi scrive, vede minacciosamente incombere su di essa, a causa della propria scomodissima posizione d’incastro tra linea ferroviaria e strada Viale Martiri della Libertà, specie nella prospettiva della sua futura ed auspicata crescita in altezza, diametro e circonferenza >>.

80747641_572771970225344_5805994034056921088_n 80685699_807984663051973_4475980299007688704_n 79427832_1412145632300186_4054606460665987072_n 80080777_2574635839436369_862999272117764096_n 80864182_2585026498277036_3757081629256843264_n

Categorie correlate:
3 Commenti

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.