#coronavirusPergola : Il sindaco Guidarelli e la sua giunta chiedono sicurezza per gli operatori e i pazienti

Simona Guidarelli, sindaco di Pergola (PU)

“In questa emergenza, che non riguarda solo noi ma il mondo intero, occorre rimanere lucidi, razionali e responsabili. Compito degli amministratori è gestire l’emergenza al meglio, insieme agli Enti e agli organi preposti. E’ il momento di rimboccarsi tutti le maniche, pensando al bene dei cittadini e cercando di risolvere davvero i problemi, nelle sedi opportune.  Non è sicuramente facendo appelli e video al popolo di facebook che si risolvono, quello serve a mettersi in mostra e farsi propaganda. Io preferisco lavorare a testa bassa per ottenere risultati concreti” queste le parole del Sindaco Guidarelli.

“Per questo non ho intenzione di sollevare polemiche inutili, non è il momento, ma quello che serve continuerò a chiederlo a gran voce senza esitazioni. Prima di tutto sicurezza per gli operatori e per i pazienti. Da alcuni ci sono arrivate lamentele, delle quali subito ci siamo fatti portavoce.  A tutti i nostri interlocutori ci siamo raccomandati di reperire mascherine, guanti e ogni altro dpi per i dipendenti che lavorano negli ospedali. Capisco che le difficoltà siano enormi, in tutta Italia, ma dispositivi adeguati vanno garantiti a tutto il personale, cosi come la possibilità di effettuare tamponi in presenza di sintomi. Sappiamo che non è possibile farli a tutti e che i laboratori sono in affanno, ma sicuramente la categoria degli operatori sanitari deve essere prioritaria e garantita. Ne abbiamo parlato con il dott. Cani, dirigente Asur, presente alla riunione del COC e con la dott.ssa Esposto durante la riunione del Centro Coordinamento Soccorsi provinciale alla quale ho partecipato in videoconferenza. Continueremo a insistere su queste richieste come già fatto per altre”.

Prosegue l’assessore alla Sanità Ilari “in questa drammatica fase si deve mantenere operativo il nostro ospedale per garantire a tutti di potersi curare. Oltre chi purtroppo sta lottando contro il Coronavirus, ci sono altre persone che continuano ad avere bisogno di essere ricoverate per tante altre patologie, che di certo non si fermano in attesa che noi sconfiggiamo il Covid-19.

Dove le mandiamo queste persone? Hanno anche loro il diritto di essere curate. Per questo dobbiamo garantire al meglio le funzioni del nosocomio pergolese e l’eccellenza del reparto di Riabilitazione Intensiva, in modo da potervi accogliere in sicurezza, pazienti di un ampio territorio che, tra l’altro, ha una popolazione anziana, di persone con diverse necessità che altrimenti non saprebbero dove andare.  Abbiamo già chiesto un incontro in cui affrontare questo e altri temi urgenti insieme all’ASUR e alla Regione”.

Conclude il Sindaco “l’intero sistema sanitario è in sofferenza, anche regioni che solitamente prendiamo a riferimento come simbolo di efficienza, si stanno trovando in enormi difficoltà di fronte a questa emergenza e molte strutture sono vicine al collasso. La nostra Regione è tra le più colpite e al suo interno la nostra provincia più di tutte le altre. Protocolli e indicazioni da parte di Ministeri e organi preposti cambiano continuamente, purtroppo nessuno era preparato ad una cosa del genere.  All’interno di questo tragico scenario dobbiamo garantire la possibilità di lavorare e di essere curati con la massima sicurezza possibile, consapevoli che purtroppo, la situazione è in continua evoluzione e nessuno si può sottrarre alle necessità derivanti dall’emergenza, ma mai abbasseremo la guardia su ciò che spetta a Pergola, a operatori e pazienti”.

Comunicato della Giunta di Pergola

Categorie correlate:
Un commento