Il crocifisso di Borghetto di Fossato di Vico rinato dopo un grande gesto d’amore

crocifissoBorghetto Fossato di Vico (2)Fossato di Vico – Ricordarsi delle proprie origine, del proprio paese natio, dei luoghi dell’infanzia dove si sono passate ore indimenticabili a giocare, a dialogare ed a scherzare in compagnia di tanti amici cari. Questi attimi indelebili nella memoria di ognuno di noi, possono spingere a fare opere di straordinaria umanità e di preziosa testimonianza. Pietro Bellucci, un signore nativo di Borghetto, piccola frazione nel comune di Fossato di Vico, ma da tempo residente con la famiglia a Roma, aveva un sogno nel cassetto, ripristinare il crocifisso che da decenni stava lungo la strada Flaminia all’inizio delle prime case del suo piccolo borgo natio. La vecchia croce lignea era stata tolta diversi anni fa durante i lavori per la costruzione del marciapiede e mai più riposizionata. Col passare del tempo si era gravemente deteriorata ed anche volendo sarebbe stato impossibile ricollocarla in modo stabile. Pietro Bellucci non si è perso d’animo ed insieme ad altri volenterosi compaesani, si è prodigato affinché una nuova croce fosse riposizionata nello stesso luogo.

crocifissoBorghetto Fossato di Vico (1)L’obiettivo era ormai prefissato ed in pochi mesi un crocifisso nuovo di zecca era pronto per essere nuovamente ammirato. Le mani preziose dell’artigiano locale Giuseppe Melillo hanno modellato una possente croce in lamellare d’abete con un Cristo stilizzato in rilievo. Lo scorso 10 settembre l’opera è stata installata e benedetta dal parroco locale Don Raniero Menghini alla presenza del sindaco di Fossato di Vico Monia Ferracchiato e di tanti cittadini accorsi nonostante la pioggia incessante. Un pezzo di storia, di tradizione e di pura religiosità, tornava a splendere per la gioia di Pietro e degli altri compaesani. Nei giorni scorsi purtroppo è arrivata la brutta notizia del decesso di Bellucci, da tempo malato. Nonostante le sue condizioni di salute fossero precarie, non si è mai perso d’animo, lottando per realizzare questo piccolo sogno. Pietro è riuscito a rivedere in tempo la sua croce, quella croce che fin da bambino aveva ammirato e che aveva accompagnato tanti momenti spensierati della sua infanzia, un dolce ricordo prima dell’ultimo viaggio.

William Stacchiotti@civetta.tv