La patata di Montelago non è un mito

mat_prime_la_patata_note_botanicheSassoferrato  – Che sia gialla, rossa o viola. Tagliata a spicchi, a cubetti o schiacciata. La patata è sempre la patata. Piace a tutti. Piace fritta, arrosto, lessa, in padella, in purée, o in gratin.  Poi ci sono gli gnocchi. Un mondo a parte. Perché gli gnocchi richiedono LA PATATA.  Quella soda,  che ha nella polpa il sapore del terroir dove cresce. Non è dunque un caso se è proprio con un bel piatto di gnocchi che la gente di Montelago ha deciso di far assaggiare la famosa patata che, da generazioni, coltivano sulle pendici dello Strega. L’iniziativa è partita dagnocchi 1l comune di Sassoferrato e dal sindaco Ugo Pesciarelli che, in prima persona, ha voluto valorizzare un prodotto tipico di cui si parlava tanto ma che erano in troppo pochi ad averne assaporato il gusto. Un’idea strategica che ha trovato una solida spalla nella Cooperativa degli allevatori e produttori di Montelago ed anche sbocco sul mercato coinvolgendo la ditta Pizzoli nell’analisi della tipologia del prodotto, della terra, del metodo di semina e di raccolto. Brand conosciuto come lo specialista della patata italiana perché l’azienda “dal nord al sud del Bel Paese ricerca le selezioni nei siti agricoli in cui la tradizione del fare si tramanda di padre in figlio“.

montelagoPertanto l’appuntamento è a Montelago, domenica 30 agosto, dalle 15 in poi, in piazza. Per parlare della patata di Montelago in un convegno dove ci sarà un rappresentante della ditta Pizzoli, l’amministrazione comunale, produttori privati e uno degli assessori dell’ex comunità montana dell’Esino Frasassi, Gianni Pesciarelli, che da sempre ha sostenuto la tipicità di questo prodotto montano. Poi tanti divertimenti con il Cantamaggio di Fabriano alle 18 e, sopratutto, tanti gnocchi e patate fritte a “rondelle”.

le-ginestreLe patate che saranno cucinate da Mario Petrucci del ristorante Le Ginestre – spiega Luigi Bettini, segretario della cooperativa di Montelago – sono quelle che abbiamo coltivato questa stagione. Le varietà conosciute come “La Spunta” e “Kennembec”, che hanno trovato nei nostri terreni l’ambiente ideale. Sono state piantate ad aprile e raccolte adesso“.  Sulla quantità di gnocchi in preparazione, Mario Petrucci afferma: “Non meno di un quintale di gnocchi. Tutti fatti rigorosamente a mano e senza uova, come richiede la vera ricetta nostrana“. E sulla qualità della patata, il cuoco non ha esitazioni: ” E’ soda e per niente acquosa“. gnocchi con il sugoQuanto al sugo: “Rosso, di vitello e di maiale, corposo e sappatate a rondelleorito“. E tanto per concludere: lo sapevate che le patate, oltre a saziare, sono diuretiche perché contengono poco sodio e con il loro contenuto di amidi favoriscono l’aumento della serotonina cerebrale e, quindi, migliorano l’umore? Pertanto, con quel festival di gnocchi e di patate fritte è facile intuire che, domenica, a Montelago, ci sarà una gran bella festa!

Véronique Angeletti

Pizzoli_SitoWeb_SpiritoPatate_Vignetta2 Fumetto3 2 Fumetto2         http://www.pizzoli.it/   spirito di patate

 

 

Categorie correlate:
Un commento