La prima candelina della residenza protetta sentinate

WP_20151002_002SASSOFERRATO – Festeggia il suo primo anno di vita la residenza protetta della Casa della Salute Sant’Antonio Abate. Con i suoi 25 posti letti si conferma un’importante realtà operativa per la crescita del welfare nel comprensorio montano. Ha festeggiato quella prima candelina con una vera festa allietata dalla Valigia delle meraviglie. Clown di corsia di cui fanno parte a titolo di volontarie le due educatrice – animatrice della struttura Maria Pia e Francesca che ogni giorno stimolano i pazienti ad avere un ruolo attivo anche se sono in una struttura di cura.” Il nostro principale obiettivo è aiutare gli anziani a mantenere tutte le loro risorse mentali con WP_20151002_004attività, letture, conversazioni e manualità”.  “Dal giorno dell’inaugurazione, il 1 ottobre 2014, siamo cresciuti – commenta Regina Ibba la coordinatrice Ascoop, la cooperativa che gestisce la casa protetta e che fornisce il personale. Un passo importante lo abbiamo compiuto il 12 maggio quando abbiamo ottenuto la certificazione di qualità”. Una certificazione complessa che vaglia l’organizzazione della casa, la gestione dei ospiti, il rispetto della privacy, il personale, insomma tutti i servizi e le relazioni che caratterizzano questa molto speciale residenza. “I posti letti sono tutti occupati e quando se ne libera uno, c’è una discreta lista di attesa”. WP_20151002_005 (1)Oggi, al primo piano dell’ex presidio ospedaliere Sant’Antonio Abate, lavorano a tempo indeterminato 3 infermiere, 1 fisioterapista, 12 operatori socio-sanitari  e 5 altri per garantire le sostituzioni, 3 addetti alle pulizie. Per chi è ospite, la residenza protetta si presenta come una vera e propria casa dagli ambienti luminosi resi ancora più personale dal fatto che chi è ospite ha il proprio nome all’entrata della stanza. nomi. Modernissima, dotata da tutti i confort, con un ottima modulazione degli spazi,  è armoniosa nei colori e le tonalità. L’Ascoop è anche la cooperativa che gestisce per conto delle suore la casa di riposo San Giuseppe.

Véronique Angeletti@riproduzione riservata